News

22 Nov

Ieri speranze, oggi certezze. Bartolo Burletti, una realtà!!!!

  • mezzadri stefano(parma)-borgo daniel (schio)   imola01.11.14Ciao Bartolo, innanzitutto voglio ri-manifestarti la soddisfazione che prova tutta la sezione per il tuo traguardo raggiunto. La prima inevitabile domanda è quella di descriverci, se le hai notate, la differenza tra i livelli dei campionati regionali con quelli nazionali.

 

Le differenze tra i campionati sono evidenti, innanzitutto a livello nazionale vi è una maggiore velocità di gioco dovuta ad una maggiore tecnica individuale, grazie anche alla presenza nelle squadra di diversi oriundi dotati di tecnica sopraffina. Naturalmente ho notato anche una maggiore conoscenza del regolamento, che si riflette in una sensibile diminuzione delle preteste. Inoltre la cornice di pubblico cambia, infatti le squadre sono seguite in modo caloroso e con tifo organizzato (talvolta anche in trasferta).

 

  • È così marcata, come quasi tutti sostengono, la diversità di atteggiamento che un arbitro nazionale deve mantenere partendo dai raduni pre-campionato sino alla performance in campo?

 

Appena arrivato a Sportilia (raduno pre-campionato) ho notato da subito la professionalità e la grande organizzazione.  Venivano svolti due allenamenti al giorno e poi riunioni tecniche con filmati per l’intera giornata. Attenzione, impegno, puntualità ed umiltà sono le peculiarità richieste dalla Commissione Nazionale. La performance cambia, per quanto già detto in precedenza (gioco veloce e maggiore conoscenze del regolamento), cioè è necessaria una preparazione totale sia da un punto di vista atletico che da un punto di vista tecnico curata anche nei minimi dettagli. Di fatto si perfeziona quanto fatto in Regione. Un ruolo essenziale per la buona riuscita della prestazione viene svolto dal lavoro del team arbitrale che già inizia al momento della designazione.

 

  • Potresti descriverci le tue sensazioni di questo primo scorcio di stagione, e quali sono i tuoi obiettivi per quest’anno?

 

Sembra ancora oggi di vivere un sogno. Sono stato impegnato tutte le settimane, ho disputato diverse gare di serie A femminile, serie B e under21 maschile. Al momento mi posso ritenere soddisfatto delle mie performance, ma bisogna ancora migliorare. Questo ad oggi è il mio obiettivo principale. Con umiltà e sacrificio poi si possono raggiungere bei traguardi, ma preferisco guardare il presente e quindi non mi pongo obiettivi a lungo termine.

 

  • imola c.5-faventia 10Abbiamo appreso della tua designazione, dove si comunica il tuo delicato compito in una gara di c5 femminile serie A. Arbitrerai la Lazio, una grande squadra. Come stai vivendo l’attesa prima di scendere in campo e come ti stai preparando.

 

Vero. Non bisogna però dimenticare che sabato mi aspetta una gara impegnativa a Fondi (LT), serie B maschile. Naturalmente questo mi distoglie a pensare alla gara di domenica, dove arbitrerò la Lazio C5 femminile campione d’Italia. L’attesa è normale, per me ogni gara è uguale. Scendo in campo con un solo obiettivo, commettere meno errori possibili. Poi vinca il migliore.

 

 

Un ringraziamento, infine, va al Presidente Andrea, a tutto il CDS e a tutti gli associati che in questi anni mi hanno sostenuto per raggiungere questo obiettivo.

 

Antonino Macca

Related Posts