News

25 Apr

Riflessioni di fine stagione per i giovani colleghi immessi in prima categoria.

Ciao ragazzi, l’impatto con la prima categoria sarà stata sicuramente forte ed istruttiva sul profilo arbitrale. Esponeteci il pensiero che vi siete fatti su questo traguardo raggiunto.

 

Giovanni ArestiaGiovanni Arestia:

Il campionato di Prima Categoria è giunto al termine. Cosa dire, è stata senz’altro una bella esperienza, tutt’altra cosa, a mio avviso, rispetto ai campi di Terza e Seconda Categoria.

Più tattica, più agonismo e per quel poco che ho visto, più rispetto della figura dell’arbitro, nonostante la mia giovane età e nonostante partite arbitrate in zone considerate “a rischio”.

Sono abbastanza soddisfatto della mia esperienza, perché catapultato all’improvviso in campionati totalmente diversi da quelli arbitrati di solito passando velocemente dalla Terza/Seconda alla Prima categoria, credo di essermela cavata discretamente; ancora più soddisfatto per aver smentito coloro che esplicitamente mi hanno reputato non all’altezza e non pronto; mi è piaciuto smentirli, nonostante, naturalmente, non mi senta arrivato ai massimi livelli, ma questo mi serve da insegnamento per gli anni futuri, poiché con l’impegno, la buona volontà e l’aiuto di colleghi più bravi e con più esperienza, si possono raggiungere ottimi risultati. Ringrazio il presidente Andrea per la fiducia che ripone su ognuno di noi.

 

cultreraSamuele Cultrera:

Le mie quattro partite in Prima Categoria, in questo finale di stagione, mi hanno fatto interrogare sull’impegno che sto mettendo in questa passione. Mi ero un po’ lasciato andare ed avevo dimenticato cosa volesse dire puntare a degli obiettivi. Mi ero dimenticato alcuni dei grandi concetti che un arbitro non deve mai dimenticare, ovvero UMILTA’, IMPEGNO E COSTANZA. In questa categoria mi hanno messo difronte i veri aspetti del mio operato, facendomi capire che non bisogna mai lasciare niente al caso. Raggiunto questo passo mi ero quasi adagiato sugli allori, senza ricordarmi che “ogni traguardo raggiunto, è l’inizio per il prossimo”. Dunque adesso che la stagione è finita dovrò mettermi a lavoro, riprendendo l’umiltà di ascoltare tutti i consigli dei colleghi con più esperienza di me, di impegnarmi al meglio per arrivare pronto a settembre sotto il profilo tecnico ed atletico e, chiaramente dovrò fare tutto con costanza, perché solo così potrò proseguire su questo percorso. Ringrazio il presidente Battaglia per l’opportunità concessami.

Alessandro Firera:

Questa è stata una stagione molto significativa per me. Sono felice di aver raggiunto l’obiettivo della Prima Categoria, questo non è un mio punto di arrivo ma assolutamente un mio punto di partenza.

Determinato ed entusiasta voglio crescere partita dopo partita per ottenere risultati importanti dopo quello raggiunto in questa stagione.

Non posso che ringraziare innanzitutto il Presidente Battaglia, perché ha creduto e crede in noi, per i consigli e per il sostegno; e poi anche tutti gli osservatori che con le loro visionature mi aiutano a crescere.

 

Antonino Macca

Related Posts