27 Lug

Rubrica: The new story ep.7

SIMONE CARPENZANO

Simone-Carpenzano

  • Carissimo Simone Carpenzano, cosa ricordi della tua prima gara diretta? Qual è stata la tua soddisfazione più grande ottenuta arbitrando una partita?

Riavvolgo il nastro e torno ad otto anni fa;

Ricordo benissimo l’ansia e la trepidazione che avevo fino a pochi minuti prima della gara d’esordio, andata via in parte con il riscaldamento e trasformata in adrenalina durante la partita.

Mi sono sentito orgoglioso una volta fischiato il mio primo triplice fischio e non vedevo l’ora che arrivasse la successiva designazione.

Una in particolare non mi viene in mente, ma le soddisfazioni più grandi le ottengo tutte le volte che in una partita do il massimo e vengo accettato e rispettato dai calciatori, dai dirigenti e valorizzato dall’ osservatore arbitrale che mi viene a visionare.

 

  • Quali sono i segreti per essere un buon direttore di gara? Quanto è importante la Sezione per la crescita di un arbitro?

Il primo segreto è frequentare la sezione grazie alla quale si ha modo di crescere a 360° e di confrontarsi con tutti i colleghi ed ex arbitri più o meno esperti perché, come dice il nostro presidente, si cresce per confronto!

Altro segreto è la passione e la volontà di migliorarsi e per migliorarsi bisogna allenarsi, arrivare in perfetta forma psico-fisica per affrontare al meglio la gara, ma per ottenere ciò ci vuole tanto sacrificio e altrettanta passione.

 

  • Cosa consigli a chi si vuole approcciare al mondo arbitrale?

Consiglio di fare assolutamente questa esperienza,  di entrare nella nostra bellissima associazione che ti dà tante opportunità di crescita dal punto di vista etico-sportivo, permette di conoscere delle persone fantastiche e ti fa vivere esperienze bellissime, dentro e fuori dal campo!

“La prima virtù di un grande uomo è dubitare della propria grandezza. Simone si è sempre messo in gioco è avrà ciò che merita”
Il Presidente Andrea Battaglia

 

Related Posts